Galle di quercia

Confezione da 100 grammi

Si utilizza al 10% del peso del materiale da tingere o mordenzare.

Mandatemi una mail per ordinare quantità superiori

 

10,00  esente IVA

Share

Descrizione

Le galle di quercia infectoria sono utili in tintura sia come mordente per il cotone sia come fonte di colore beige e grigio.

Hanno un elevato contenuto di acido gallico e tannico che interagiscono sia con il colorante che con la fibra. L’effetto finale è quello di migliorare l’assorbimento del colore e la solidità alla luce, soprattutto nelle fibre vegetali. In passato si usava anche nella concia delle pelli, visto che ha un potere astringente antimicrobico e colora.

L’estrazione si fa in acqua bollente per almeno 1 ora, previo ammollo di una notte in acqua calda.Se avete la possibilità potete migliorare l’estrazione con una pentola a pressione.

Il tannino ha un colore molto chiaro, beige. In presenza di solfato ferroso assume un colore grigio violaceo scuro.

Nella pianta si trova nella parte legnosa, ma soprattutto nelle galle. Sono delle formazioni rotonde che la pianta sviluppa in risposta alla deposizione dell’uovo da parte di un insetto tra ramo e foglia. La cellula vegetale in seguito alla puntura si rigonfia, circonda l’uovo e nel giro di un mese si secca. La pianta così si difende dalla penetrazione nel punto di ferita da batteri e virus. L’uovo nel frattempo si schiude e la larva si nutre dell’interno della galla fino alla metamorfosi, quando esce praticando un foro e sfarfallando. Alla fine sono tutti sani e salvi e noi raccogliamo dal suolo queste palline legnose.
Ringrazio Laura Cumer che ogni anno raccoglie le galle sul Monte Baldo e me le invia.

 

Curiosità

Le galle sono utili anche per l’inchiostro ferro gallico, quello usato dai monaci.

 

Informazioni aggiuntive

Peso 100 g